Cantele, Tormaresca, Rivera, Schola Sarmenti, Gianfranco Fino, Centovignali, Polvanera, d’Araprì, Severino Garofano, Albea, Carvinea, Conti Zecca, Feudi di Guagnano, Petra Nevara, Cosimo Taurino, Tenute Al Bano Carrisi, Candido, Trullo di Pezza, Masca del Tacco, Vespa Vignaioli per Passione già Futura 14, Morella, Leone De Castris, Masseria Li Veli, Cantine Due Palme, Cantine Risveglio, Tenute Rubino.

Ecco le 26 aziende pugliesi produttrici dei 27 vini premiati dalla Guida Bibenda 2019.

È il più alto riconoscimento ai vini italiani, ai grandi produttori e a storie straordinarie che stanno conquistando il mondo.

E’ la Fondazione Italiana Sommelier porta in Puglia I Cinque Grappoli. Il premio più importante conferito da Bibenda attraverso il criterio della FIS ai fini della valutazione dei vini: assegnato solo a quelli che hanno ottenuto un minimo di 91 punti percentuali.

Il 16 febbraio prossimo, nella meravigliosa cornice di Borgo Egnazia la cerimonia di premiazione e la degustazione dei 27 vini selezionati.

Sarà un’occasione importante che andrà oltre la premiazione, perché vedrà tutti i produttori presenti in sala confrontarsi tra loro e il mondo della comunicazione. Così come spiega Giuseppe Cupertino, presidente di Fondazione Italiana Sommelier Puglia: “È quello su cui lavoriamo costantemente da anni, ovvero la valorizzazione e la promozione dei nostri vini che rappresentano oggi la storia e il futuro del nostro territorio. È un grande investimento per Fondazione Italiana Sommelier Puglia, una mission importante da portare avanti nel mondo del vino e in quello dell’olio. E’ proprio grazie ai produttori che conosciamo le problematiche ma anche i punti di forza e, soprattutto, gli aspetti futuri della produzione pugliese. Insieme a loro possiamo portare la nostra terra a diventare grande ”.

Una serata che rappresenta il momento più emozionante e celebrativo per la nostra terra. L’evento che premia con orgoglio la produzione vitivinicola pugliese, consegnando nelle mani di grandi produttori “I Cinque Grappoli”, della storica Guida Bibenda, la più autorevole nel settore, con oltre 25 mila vini recensiti.